CONTO TERMICO 2.0 - OBBLIGO DIAGNOSI ENERGETICA
Martedì 19 Luglio 2016 00:00
PDF Stampa E-mail

Il nuovo Conto Termico 2.0 (DM 16 febbraio 2016) è un incentivo statale erogato dal GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) per interventi di incremento dell’efficienza energetica degli edifici esistenti (riservato alle pubbliche amministrazione) e di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza (rivolto a privati, imprese e pubbliche amministrazioni).

Esso prevede, per l’accesso agli incentivi, l’obbligo di una diagnosi energetica ( art.8 decreto 102/2014 : dal 19/07/2016 redatta esclusivamente da Esperti Gestione Energia certificati UNI 11339 ) nel caso di richiesta dell’incentivo per la realizzazione di interventi relativi a:  

isolamento termico di superfici opache disperdenti (articolo 4, comma 1, lettera a);
sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi, di impianti di climatizzazione invernale esistenti con generatori di calore a condensazione, installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da Est-Sud-Est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili (articolo 4, comma 1, lettere da b) a d);
sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti alimentati a biomassa, installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling (articolo 4 comma 2, lettere da a) a c), quando l’intervento stesso è realizzato su interi edifici con impianti di riscaldamento di potenza nominale totale del focolare maggiori o uguali a 100 kW.

È importante precisare che il Conto termico, prevede un incentivo pari al 100% delle spese per la diagnosi energetica e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per le PA (e le ESCO che operano per loro conto) e il 50% per i soggetti privati, con le cooperative di abitanti e le cooperative sociali.

Infine, è utile ricordare come il Dlgs 102/2014 preveda anche che siano realizzati, tra il 2014 e il 2020, interventi di efficientamento sugli immobili della Pubblica Amministrazione e questi (anche se non obbligatoriamente esplicitato) avranno bisogno di una diagnosi preventiva che individui le misure di riqualificazione più efficaci. Senza contare che nei decreti interministeriali del 26 giugno 2015 - che hanno rivoluzionato il mondo della certificazione energetica - è previsto che nell’APE sia esplicitato negli interventi migliorativi la possibilità di consigliare l’esecuzione di una diagnosi.

La SEICO-ENERGIA IMPIANTI, tramite propri tecnici qualificati tra cui anche Esperti Gestione Energia ( E.G.E certificati UNI 11339 ) , offre propri servizi di Diagnosi Energetica e realizzazione interventi, supportando il cliente in ogni fase per la richiesta degli incentivi.

Fonte: [ GSE - NEXTVILLE ]